Dato che le lenti a contatto multifocali hanno quasi 80 anni di esistenza, perché la monovisione persiste come trattamento di scelta per molti presbiti anche se sono buoni candidati per multifocali?

Perché la monovisione persisteUna spiegazione è che non esiste una chiara conclusione basata sull’evidenza su quale modalità sia superiore.

Uno studio sulle correzioni delle lenti a contatto presbite di Arthur nel 1992 ha concluso che la monovisione forniva prestazioni visive superiori.2 Nel 2006, Rajagopalan ha concluso che le prestazioni visive con correzione multifocale erano superiori alla monovisione.3 Tuttavia, lo studio del 2009 di Gupta ha rilevato che la monovisione è superiore ai test di acuità visiva oggettiva, ma che la superiorità non è stata supportata da valutazioni soggettive dei pazienti.4

Un’altra spiegazione potrebbe essere la percezione del professionista che il montaggio della monovisione richiede meno tempo per la sedia rispetto al montaggio di multifocali.5

Molti optometristi usano la scusa “se non si è rotto, non aggiustarlo” per non montare multifocali. È giunto il momento per gli ODs di mettersi a proprio agio con le lenti a contatto multifocali e l’opportunità che offrono alle nostre pratiche e la capacità che ci danno di soddisfare le moderne esigenze dei pazienti.

Ecco cinque motivi per cui.
Correlati: Top multifocali lenti a contatto tips

E ‘ davvero un aggiornamento

Con le esigenze che la nostra tecnologia pone su vicino e intermedio di visione, la vita moderna è difficile da presbiti.

Un terzo degli Xer di generazione e un quarto dei baby boomer trascorrono nove ore al giorno sui dispositivi digitali.6 Inoltre, i tassi di lampeggio possono diminuire fino al 66% quando si utilizza un dispositivo digitale, secondo una revisione della letteratura condotta da Marjorie Rah, OD, PhD, rendendo il comfort tanto un fattore quanto la fatica.7-9

La tecnologia ha anche contribuito a rendere le nostre attuali opzioni di lenti multifocali le migliori che abbiamo mai avuto. I progressi nella progettazione delle lenti offrono una migliore visione a distanza e vicino. I design dei materiali hanno portato comfort e stabilità visiva in primo piano, permettendoci di adattare con successo più pazienti. I primi progetti bifocali non hanno avuto il successo in forma che ora godiamo con design e materiali moderni, spesso con la prima lente di prova.

Gli aggiornamenti tecnologici possono essere tanto uno strumento di marketing quanto un’opzione di cura del paziente. Nella sua forma più elementare, l’aggiornamento dei pazienti alle nuove tecnologie mostra a te e alla tua pratica di rimanere in cima ai progressi, non solo allo status quo.

Circa il 97 per cento dei pazienti vuole conoscere o provare nuove tecnologie.8 Non aggiornare i tuoi pazienti non è più ” se non è rotto, non aggiustarlo.”Stiamo attivamente ignorando i desideri dei pazienti e rimanendo indietro. Se i tuoi pazienti scoprono di avere amici che visitano un medico “che ha queste ‘nuove’ lenti a contatto per vedere vicino e lontano”, i tuoi pazienti percepiscono che non offri tali lenti e sono indietro nei tempi.

Pensa oltre i baby boomer; I Gen Xer in realtà superano i boomer, 10 e le loro richieste e aspettative sono completamente diverse. Come Gen Xer e presbyope emergente, posso dirvi che mi aspetto che la tecnologia risolva tutti i miei problemi. Ci sarebbe meglio essere un app per questo!

Più che fa riflettere è che nel 2015 millennials ha superato tutti gli altri come la più grande generazione nella forza lavoro degli Stati Uniti.11 Come ODs, dobbiamo adattare il modo in cui reagiamo alla presbiopia e evolverci continuamente per soddisfare le maggiori richieste dei pazienti. Se riduciamo al minimo i reclami dei pazienti e non riusciamo a integrare le nuove tecnologie, potremmo trovarci molto indietro rispetto ai tempi mentre i primi presbiteri millenari entrano nei nostri uffici nei prossimi anni.

Binocularity

Mentre binocularity può essere poco eccitante, è importante dal punto di vista della sicurezza.

Ad esempio, la Federal Aviation Administration non consente ai piloti di compagnia aerea di indossare lenti a contatto monovisione per volare.12 La posizione della FAA è scientificamente valida: la stereopsi a distanza è diminuita significativamente con l’aumento dei poteri delle lenti a contatto (P< 0.01 con +2.50 D lens power).13
Related: 3 opzioni di correzione per presbyopes

Considera che dopo che il tuo paziente monovisione esce extra per vedere quel nuovo film di supereroi in 3D nella notte della data, sarà molto deluso. Il trattamento multifocale della presbiopia non solo restituisce la binocolarità, ma può anche ripristinare la gamma di visione dalla distanza all’intermedio al vicino.

Visione notturna migliorata

Sì, maggiore acuità visiva notturna. Parliamo di acuità visiva scotopica multifocale negativamente così spesso dimentichiamo che mentre le multifocali potrebbero non essere le stesse delle lenti a contatto per la visione a distanza sferica, la visione può essere molto migliore rispetto alla monovisione.

Uno dei più grandi punti di feedback si sente come si converte più portatori di monovisione per lenti multifocali è migliorata notte acuità visiva. Questo è particolarmente vero, nella mia esperienza, per gli iperopi con poteri aggiuntivi più elevati.

La sensibilità al contrasto può spiegare ciò che sta accadendo per questi pazienti. La sensibilità al contrasto a distanza fotopica e mesopica a monovisione è diminuita significativamente con il progressivo aumento della potenza.13

Non abbiamo tre occhi

La monovisione ha funzionato bene per molti pazienti che avevano distanze discrete e richieste vicine, ma inciampa ora che la visione intermedia è così importante.

Le richieste intermedie sono ora critiche in tutte le fasce d’età. Ad esempio, i dati del Pew Research Center mostrano che quasi il 60% degli anziani usa Internet.14 La nonna non si siede a lavorare a maglia e aspetta una lettera dai nipoti-li insegue sui social media.

La capacità di fornire una visione chiara, intermedia e vicina con transizioni fluide tra le distanze di lavoro è una vera sfida.

Bausch + Lomb ha utilizzato modelli virtuali per sviluppare il suo design progressivo a 3 zone per le sue lenti Ultra per Presbiopia e BioTrue per Presbiopia. Invece di potenza costantemente cambiando da vicino a distanza, il design incorpora aree di potenza costante a distanza, intermedio, e vicino con transizioni senza soluzione di continuità tra le zone. Il risultato è un’elevata consistenza di potenza che può fornire una migliore visione a più distanze.
Correlati: Abbracciare la nuova tecnologia delle lenti a contatto

Soddisfare i pazienti

Maggiore soddisfazione del paziente conserva più di montaggio tasse e materiali tasse-mantiene i pazienti.

Circa il 76% dei pazienti preferiva le multifocali alla monovisione.15 Presbiti vogliono e hanno bisogno di più dai loro fornitori di cura degli occhi e le loro lenti a contatto, ma siamo più occupati e inondato con opzioni di prodotto e nuove guide fit.

Tuttavia, il processo è anche più semplice di prima. Quando sono stati intervistati sul montaggio di multifocali progressivi a 3 zone, il 92% dei fornitori di assistenza oculare ha dichiarato di essere facile da montare e il 96% dei pazienti è stato adattato con successo alla seconda visita.16

Gli optometristi devono rompere l’abitudine di aggiungere più sopra l’occhio non dominante e invece avviare il paziente in un multifocale quando è un presbyope emergente, non quando ha bisogno di alte aggiunte. Perché iniziare un presbyope presto lungo una strada che non possiamo sostenere? Utilizzare quelle basse aggiungere lenti. Impostare voi stessi ei vostri pazienti per il successo futuro.

Un’altra prospettiva

Per ottenere un’altra opinione sui processi di adattamento, ho parlato con Amanda K. Lee, OD, che ha una pratica familiare a tutto campo a Myrtle Beach, SC. Dice che alla fine degli anni 1990 e all’inizio degli anni 2000, i professionisti non avevano molte scelte per le lenti a contatto multifocali morbide.

“All’epoca, il mio obiettivo preferito era Acuvue Bifocale (Johnson& Johnson Vision)”, dice. “Volendo utilizzare nuove tecnologie per i miei pazienti, ho raggiunto molto per quel prodotto. Anche se ho avuto meno successo nel montaggio di quel prodotto che i multifocali monouso di oggi, ho avuto in quel momento lo stesso successo del montaggio della monovisione. Avanti veloce ad oggi e la più recente tecnologia in multifocali, e otteniamo 80-90 per cento di successo anche con la prima selezione di lenti di prova. Posso montare un multifocale moderno il più velocemente possibile come posso montare un prodotto sferico o torico.”

Il Dr. Lee dice che due cose impediscono ai professionisti della cura degli occhi di montare multifocali.

” Uno è la riluttanza a rompere le radicate abitudini di montaggio della monovisione e l’errata percezione che la monovisione sia più facile o più veloce e più economica per il paziente”, dice. “L’altro è la riluttanza a prendere il tempo per capire e provare nuove tecnologie.”

Dr. Lee porta in primo piano l’opzione multifocale ai pazienti chiedendo se c’è un tempo che la visione nelle loro lenti a contatto li ha falliti-lei chiama questa prescrizione “basata sui bisogni”.

“I pazienti spesso rispondono in due modi: ’ Non riesco a vedere bene di notte quando provo a guidare, ‘ o ‘ Non riesco a vedere lo schermo del mio computer a meno che non muovo la testa.”Questo mi permette di aprire la conversazione e offrire loro nuove tecnologie in modo che possano raggiungere quelle attività o bisogni insoddisfatti. Molti pazienti ancora non sanno nemmeno che esistono lenti a contatto multifocali monouso morbide”, afferma.
Related: Sito di lenti a contatto a basso costo cerca di migliorare compliants, guidare esami

In passato, le nostre opzioni di lenti spesso limitate opzioni di montaggio. La maggior parte dei praticanti voleva evitare di mescolare orari o materiali di usura, il che ha portato a situazioni difficili da adattare. Se un paziente voleva lenti monouso quotidiane ma aveva bisogno di un design torico, il paziente e il professionista dovevano scegliere tra la modalità desiderata o la visione richiesta. Più produttori che offrono famiglie complete di progetti di lenti a sfera, toriche e multifocali ci danno la possibilità di soddisfare la maggior parte, se non tutte, le esigenze del paziente.

Alcon Air Optix Aqua e Dailies Aqua Comfort Plus hanno da tempo famiglie complete di sfera mensile e giornaliera, torica e multifocale. Johnson & Acuvue Oasys e 1-Day Moist di Johnson Vision sono disponibili anche in progetti sferici, torici e multifocali. CooperVision copre tutti e tre i progetti con Biofinity mensile, include intervalli di parametri estesi in Biofinity XR e offre opzioni di correzione monouso giornaliere complete in Clariti. Bausch + Lomb ha recentemente ampliato le sue piattaforme Ultra e BioTrue per includere design torici, rendendo le opzioni familiari complete anche per il giorno e il mese.

Le nostre lenti a contatto multifocali sono migliori che mai. Con la soddisfazione del paziente che avremmo sognato in passato e un processo di adattamento più semplice e snello, siamo in grado di portare una tecnologia migliore per rendere i pazienti più felici anche quando siamo sotto pressione per vedere più pazienti e trovare loro soluzioni più velocemente.

1. Toshida H, Takahashi K, Sado K, Kanai A, Murakami A. Lenti a contatto bifocali: Storia, tipi, caratteristiche e stato attuale e problemi. Clin Oftalmolo. 2008 Dicembre; 2 (4): 869-77.

2. Indietro A, Grant T, Hine N. Prestazioni visive comparative di tre correzioni di lenti a contatto presbite. Optom Vis Sci. 1992 Giugno; 69 (6): 474-480.

3. Rajagopalan AS, Bennet ES, Lakshminarayan V. Prestazioni visive di soggetti che indossano lenti a contatto presbiti. Optom Vis Sci. 2006 Agosto; 83 (8): 611-615.

4. Gupta N, Naroo SA, Wolffsohn JS. Confronto visivo tra lenti a contatto multifocali e monovisione. Optom Vis Sci. 2009 Feb; 86 (2): E98-E105.

5. Bennett ES. Correzione delle lenti a contatto della presbiopia. Clin Exp Optom. 2008 Gennaio; 91: 265-278.

6. Il Consiglio della Visione. Affaticamento degli occhi digitale. Disponibile presso: https://www.thevisioncouncil.org/content/digital-eye-strain. Accesso 6/15/17.

7. Bentivoglio AR, Bressman SB, Cassetta E, et al. Analisi dei pattern di frequenza di lampeggio in soggetti normali. Disturbo da movimento. 1997 Novembre; 12 (6): 1028-1034.

8. Il suo nome deriva dal greco antico, che significa “terra”, “terra”, “terra”, “terra”, “terra” e “terra”. Frequenza di lampeggio e lampeggi incompleti in sei diverse condizioni di lettura cartacea ed elettronica controllate. Investire Ophthalmol Vis Sci. 2015 Ottobre; 56 (11): 6679-6685.

Skotte JH, Nojgaard JK, Jorgensen LV, et al. Frequenza di lampeggio degli occhi durante le diverse attività del computer quantificato da elettrooculografia. Eur J App Physiol. 2007 Gennaio; 99 (2): 113-119.

9. Rah MJ, Reindel WT, Mosehauer G. (2015) Interesse e accettazione di una nuova tecnologia di lenti a contatto nella pratica odierna. Poster presentato all’American Optometric Association Annual Meeting.

10. Centro di ricerca Pew. Millennials superano Gen Xers come la più grande generazione in U. S. forza lavoro. Disponibile all’indirizzo: http://www.pewresearch.org/fact-tank/2015/05/11/millennials-surpass-gen-xers-as-the-largest-generation-in-u-s-labor-force/. Accesso 6/15/17.

11. Pew Research Center tabulations of monthly 1995-2015 Current Population Surveys, Integrated Public Use Microdata Series (IPUMS, 5/2015).

12.Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti, Federal Aviation Administration, ” Guida per gli esaminatori medici di aviazione.” https://www.faa.gov/about/office_org/headquarters_offices/avs/offices/aam/ame/guide/app_process/app_history/item17b/.

13. Sergente Durrie. L’effetto di diversi poteri di lenti a contatto monovisione sulla funzione visiva dei pazienti presbiti Emmetropici (Una tesi American Ophthalmological Society). Trans Am Ophthalmol Soc. 2006 Dicembre; 104: 366-401.

14. Pew Research Center Rapporto di accesso a Internet americano 2000-2015. http://www.pewinternet.org/2015/06/26/americans-internet-access-2000-2015/

15. Richdale, K Mitchell GL, Zadnik K. Confronto della correzione di lenti a contatto morbide multifocali e monovision in pazienti con presbiopia a basso astigmatismo. Optom Vis Sci. 2006 Maggio; 83 (5):226-73.

16. Orsborn G, et al. Valutazione del nuovo design di lenti morbide multifocali in condizioni reali. Poster presentato all’American Optometric Association Annual Meeting, giugno 2013.

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *