Anche prima dello scoppio del coronavirus, Devin Sweetney sapeva nulla era garantito quando

Il 32enne americano ha detto che la squadra di basket greca che ha giocato per questa stagione gli deve ancora “migliaia di dollari.”E con gli sport chiusi in tutto il mondo a causa della pandemia, Sweetney sta pensando di più al suo futuro a lungo termine.

” Ora è il momento di mettere insieme il tuo piano, perché non si sa mai”, ha detto il 6-foot-6 small forward. “È un’apertura d’occhio per tutti.”

I giocatori americani sono stati in grado di guadagnare da vivere infondendo le squadre di basket europee con il punteggio e la gestione della palla, ma ora sono preoccupati che ci saranno meno posti di lavoro e salari più bassi nella ricaduta economica del coronavirus.

” Vedrai alcune squadre piegarsi o non essere in grado di pagare tanto”, ha detto Mehryn Kraker, 25 anni, che ha giocato in Spagna in questa stagione. “I club si affidano a più benefattori e sponsor, quindi con le aziende colpite, il finanziamento sarà influenzato, specialmente dalla parte delle donne.”

Gli Stati Uniti sono di gran lunga il più grande esportatore mondiale di giocatori di basket, sia maschi che femmine, e l’Europa è il primo importatore. Quasi tutti gli americani che i tedeschi, ad esempio, hanno giocato nella Basketball Bundesliga maschile in 2018-19, secondo il rapporto sulla migrazione 2019 della FIBA.

I lavori erano in aumento. Gli americani hanno rappresentato un terzo dei punti totali del roster nei migliori campionati maschili di Germania, Grecia, Italia, Francia e Spagna, ha detto il rapporto FIBA. Questo è da circa un quarto dei punti del roster in quei campionati nella stagione 2011-12.

Inoltre, in genere hanno una media di più punti e minuti a partita rispetto ai loro compagni di squadra, ha aggiunto il rapporto.

” Ci assumiamo più responsabilità”, ha detto Aaryn Ellenberg, 27 anni, i cui punti 15 a partita hanno guidato la sua squadra francese, Saint Amand. “Il ruolo che ho giocato nella maggior parte delle squadre è quello di entrare e segnare e alzare il livello della squadra.”

L’esodo verso gli Stati Uniti ha seguito le fermate dei campionati e le restrizioni di viaggio. Potrebbe essere un paesaggio molto diverso quando tornano. Will Voigt, assunto nel mese di febbraio per allenare cestini Bonn, ha detto che alcuni club lottano anche nel migliore dei tempi.

“In tutti questi campionati, c’è sempre una manciata di squadre che sono proprio sull’orlo finanziariamente”, ha detto Voigt, che allena anche la squadra nazionale dell’Angola.

Questo è vero anche nei campionati più piccoli, il che è una cattiva notizia per le centinaia di americani che si divertono a vivere in squadre dall’Islanda a Cipro.

” In qualsiasi modo lo guardi, non sarà positivo per le importazioni”, ha detto Voigt.

Il Real Madrid, che gioca nel campionato nazionale spagnolo e nell’Eurolega regionale, ha reagito riducendo gli stipendi dei giocatori fino al 20% per questa stagione. Nel frattempo, il presidente dell’EuroLeague Jordi Bertomeu si è detto “sicuro al 100%” che Turkish Airlines manterrà la sua sponsorizzazione.

L’incertezza è un dato di fatto per i giocatori d’oltremare. Raramente atterrano contratti pluriennali, vengono rapidamente sostituiti se feriti e talvolta devono andare all’arbitrato per i loro soldi. I vantaggi includono l’alloggio gratuito e la squadra gestisce le tasse, quindi la paga è netta.

I veterani possono recuperare 1 10.000 o più al mese, ma altri potrebbero accettare meno della metà di tale importo. Non c’è una quotazione pubblica, ma Kraker ha detto di aver visto enormi variazioni sul lato femminile, da un giocatore che guadagna 8 800 al mese nella Repubblica Ceca ai giocatori WNBA che ottengono players 15,000 al mese in campionati più grandi. Secondo quanto riferito, Shane Larkin guadagna million 2 milioni in una squadra maschile in Turchia.

“Il giocatore medio che torna a casa da oltreoceano ha un secondo lavoro o un trambusto laterale per portare denaro”, ha detto Rashad Whack, che più recentemente ha giocato nella Repubblica Ceca.

Il 29enne Whack ha firmato per giocare nella Basketball Africa League affiliata alla NBA, ma è rimasto a Los Angeles quando la stagione inaugurale è stata posticipata. La guardia 6-foot-3, uno sposino, ha detto che la paga avrebbe coperto l’affitto e altre bollette.

“Dobbiamo ancora avere soldi in arrivo, così sono tornato a fare il mio lavoro di sicurezza”, ha detto Whack del suo lavoro con una società di gestione immobiliare.

I club sostituiscono i giocatori per tutta la stagione. Sweetney, ad esempio, ha firmato con Panionios con sede ad Atene a Capodanno. Ha un figlio giovane e ha voluto parlay il suo tempo in Grecia in un contratto redditizio la prossima stagione.

Diversi giocatori del Panionios hanno dichiarato di avere due mesi di stipendio. Sweetney, che ha giocato la preseason 2015-16 con i Denver Nuggets, sperava di comprare una casa, ma ora è in attesa.

“Non sembra intelligente fare grandi acquisti senza lavoro”, ha detto Sweetney, che l’anno scorso si è unita al programma di crossover della carriera NBA.

Panionios ha detto che sperava di risolvere le controversie internamente.

“Non possiamo confermare o rifiutare qualsiasi voce o dichiarazione fatta da nessuno dei nostri atleti passati”, ha detto il team.

Tyreek Duren ha lasciato Panionios e ha scoperto che sua sorella e sua madre, che è un’infermiera, sono risultati positivi al virus a casa a Philadelphia. Duren, 28, poi sperimentato sintomi simili, ma ha detto che sono tutti recupero. Ha detto che ha investito bene i suoi soldi, ma spera di giocare presto.

“Puoi passare molto tempo con la tua famiglia, ma nessuno lavora”, ha detto Duren. “Fondamentalmente sta mettendo la vita in attesa.”

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *