Con quasi il 40% della popolazione mondiale ora classificata come obesa e prove crescenti che indicano lo zucchero come il colpevole, le persone si rivolgono a cibi che contengono dolcificanti ipocalorici per dare loro il sapore dolce di cui godono, senza il rischio di ingrassare. Tuttavia, una nuova ricerca della George Washington University negli Stati Uniti suggerisce che i dolcificanti artificiali possono effettivamente aumentare il rischio di una persona di diventare obesi.

L’epidemia di obesità è causata da un aumento di grassi e zuccheri nelle diete delle persone. L’accumulo di grasso nell’obesità aumenta le probabilità di contrarre il diabete di tipo 2, le condizioni cardiache e il cancro. Come tale, le nuove linee guida di Public Health England incoraggiano il pubblico ad acquistare prodotti a basso contenuto calorico e a basso contenuto di zucchero.

Quindi cambiare la nostra dieta per includere dolcificanti ipocalorici, come sucralosio e aspartame, dovrebbe essere un buon modo per ottenere tutto il gusto dolce senza alcun senso di colpa. Invece, il nuovo studio suggerisce che mangiare questi dolcificanti potrebbe fare il contrario e aumentare la possibilità di accumulare grasso nei nostri corpi, in modo “dose-dipendente”. In altre parole, più dolcificante artificiale consumi, più grasso crea e immagazzina il tuo corpo.

Cosa fanno al tuo corpo

Per molti anni, abbiamo saputo che le sostanze dolci (zuccheri o dolcificanti artificiali) si legano ai sensori nella nostra bocca chiamati “recettori del gusto dolce”. Questi recettori inviano un messaggio al nostro cervello per dirci che stiamo mangiando qualcosa di dolce.

Nell’ultimo decennio, questi sensori sono stati trovati in altre parti del nostro corpo, come la vescica, i polmoni e persino nelle ossa. Questo ha sollevato domande su quale effetto dolcificanti, e questi recettori del gusto dolce, potrebbero avere all’interno dei nostri corpi.

La nuova ricerca, i cui risultati sono stati presentati a END 2018, il 100 ° incontro annuale della Endocrine Society di Chicago, esamina l’effetto che i dolcificanti artificiali hanno sulle cellule che compongono le nostre riserve di grasso. Queste cellule hanno un trasportatore di glucosio (una proteina che aiuta il glucosio a entrare in una cellula) chiamato GLUT4 sulla loro superficie e, quando mangiamo più zucchero, le cellule assorbono più glucosio, accumulano più grasso e diventano più grandi.

I ricercatori in questo ultimo studio hanno scoperto che il dolcificante artificiale, il sucralosio, che si trova comunemente negli alimenti e nelle bevande dietetiche, aumenta il GLUT4 in queste cellule e promuove l’accumulo di grasso. Questi cambiamenti sono associati ad un aumentato rischio di diventare obesi.

In effetti, la ricerca ha studiato un piccolo numero di persone obese che consumano dolcificanti artificiali e ha scoperto che avevano più di queste cellule adipose e una maggiore espressione di geni associati alla produzione di grassi.

I dolcificanti artificiali possono favorire l’accumulo di grasso. kurhan/.com

Ancora nessuna risposta chiara

Se consumati in basse quantità, i dolcificanti artificiali hanno dimostrato di aiutare la perdita di peso, migliorare le condizioni metaboliche e persino proteggere dalle lesioni durante l’infezione. Tuttavia, questo nuovo studio suggerisce che, piuttosto che mantenerci sani, i dolcificanti artificiali, specialmente se consumati in dosi maggiori, potrebbero contribuire all’epidemia di obesità.

Dato il numero limitato di studi sull’argomento – e che pochi studi confrontano i dolcificanti ipocalorici con lo zucchero-non abbiamo ancora risposte chiare. Tuttavia, con una fornitura di nuovi edulcoranti naturali sul mercato, come stevia e monk fruit, ne abbiamo molti tra cui scegliere. Questi sono basati su estratti di frutta e mirano a fornire un approccio più naturale per migliorare la bontà di cibi e bevande rispetto alle loro controparti artificiali. Tuttavia, è troppo presto per dire se questi prodotti naturali sono un’opzione più sicura rispetto ai dolcificanti artificiali o se anche loro hanno il potenziale per aumentare il rischio di obesità.

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *