Il momento di gloria di Hillary Clinton al Wellesley College arrivò quando salì sul palco alla sua cerimonia di inizio e assunse un potente senatore repubblicano degli Stati Uniti, culminando in quattro anni di quello che la sua campagna ora descrive come “attivismo della giustizia sociale” sui temi scottanti del tempo.

Ma la storia non ancora raccontata è quanto fosse fuori dal personaggio il discorso infiammatorio di Wellesley di Clinton. In un momento in cui il paese stava mettendo in discussione il sistema, Clinton era noto per lavorare esattamente al suo interno. Era un conciliatore, non un lanciatore di bombe.

Il giorno della laurea, la ragazza Goldwater di un tempo si è reinventata come una voce provocatoria che parla per la sua generazione arrabbiata. Con i media nazionali che seguono da vicino lo sconvolgimento del campus quella primavera, Clinton ha rubato i riflettori rimproverando un simbolo di Washington che aveva aiutato a eleggere. Ha sconfitto il presidente di Wellesley, un tempo suo alleato nel reprimere i disordini del campus.

Le osservazioni di Clinton l’hanno trasformata, praticamente da un giorno all’altro, in un simbolo nazionale dell’attivismo studentesco. Servizi wire fatto saltare fuori le sue osservazioni, e la rivista Life ha caratterizzato una foto di lei, vestito in grassetto a righe a campana. Clinton presto catturato l’attenzione di figure di spicco della sinistra, tra cui attivista per i diritti civili Vernon Jordan e il suo futuro mentore, Fondo di difesa dei bambini fondatore Marian Wright Edelman. In autunno, quando entrò alla Yale Law School, dove in seguito incontrò il suo futuro marito, Bill, il suo nome era ben noto.

Il discorso di Clinton è stato uno dei primi esempi di istinto politico, la capacità di percepire il momento per un attacco strategico. La sua performance ha sorpreso tutti, anche i suoi amici intimi.

La leader della classe Hillary Rodham del Wellesley College parla delle proteste studentesche che ha sostenuto nel suo discorso di inizio. (Lee Balterman / The LIFE Picture Collection / Getty Images)

“Non siamo interessati alla ricostruzione sociale”, ha corretto l’oratore, il Sen. Edward Brooke del Massachusetts. “È la ricostruzione umana.”

Il suo attacco improvvisato era finito in un lampo, e la presidente di Wellesley, Ruth Adams, decise di riparare il danno.

Adams ha licenziato una lettera a Brooke, quindi il funzionario eletto nero più alto della nazione, scusandosi per le osservazioni intemperanti di Clinton.

“La cortesia non è una delle virtù più forti dei giovani”, scrisse Brooke il 5 giugno 1969, in una lettera che il Washington Post ha recentemente scoperto nei suoi documenti archiviati. “Segnare i punti di debater sembra, a volte, avere una posizione più alta.”

Come sfruttiamo tale” passione giovanile”, ha chiesto Adams, ” senza distruggere il tessuto di base della nostra società democratica?

Il senatore, morto nel 2015, in seguito ricordò Clinton nella sua autobiografia come una donna che “sapeva dove voleva andare e come voleva arrivarci.”

Nel 1969, Hillary Rodham Clinton pronunciò un controverso discorso studentesco alla sua laurea che scioccò studenti e docenti. Nel suo discorso di inizio, ha assunto un senatore repubblicano e durante la notte è diventato uno dei volti dell’attivismo studentesco di fine 1960. (Alice Li/The Washington Post)

Lo speechwriter di Brooke, Alton Frye, ha detto che il senatore ha preso nota del giovane presidente del governo studentesco, abbastanza audace da affrontarlo.

“Abbiamo guardato indietro alle sue osservazioni estemporanee”, ha detto Frye, “come un indicatore precoce della potente ambizione al centro della sua personalità.”

Natural speaker

I genitori di Clinton — era conosciuta allora come Hillary Rodham — la lasciò al tranquillo Wellesley College nell’autunno del 1965. Hugh e Dorothy Rodham da placid Park Ridge, Malato., ha visto il campus – con il coprifuoco del fine settimana e le restrizioni sui visitatori di sesso maschile — come “un luogo dove saremmo al sicuro”, ha ricordato l’amico di Clinton Constance Hoenk Shapiro.

Clinton ha prosperato nel contesto femminile. Divenne attiva nei giovani repubblicani e ha esortato gli studenti ad aiutare Brooke diventare il primo afroamericano eletto al Senato dalla ricostruzione. “La ragazza che non vuole uscire e stringere la mano può scrivere lettere o fare lavori d’ufficio generali”, ha detto al giornale Wellesley.

Clinton ha tenuto Barry Goldwater, il senatore dell’Arizona che ha perso la corsa presidenziale del 1964, come un’icona. Upperclassman Laura Grosch, un artista dallo spirito libero, ricordato di ottenere un discorso Goldwater come Clinton si sedette per avere il suo ritratto dipinto, un purchase 30 acquisto che aveva intenzione di inviare a sua madre.

“Ho parlato molto dei diritti delle donne, dei diritti civili, del Vietnam; era così per Goldwater”, ha detto Grosch.

Il campus era vivo di proteste studentesche, riflettendo i crescenti disordini dei tempi. C’era una serie di petizioni studentesche che chiedevano una maggiore diversità razziale nell’iscrizione e nell’assunzione di docenti, avvisi per riunioni di gruppi di protesta studentesca nazionali e l’opposizione locale al progetto e alla guerra del Vietnam.

Clinton non era il leader in nessuno di questi sforzi. Il suo nome compare su una delle tante petizioni studentesche depositate nei documenti archiviati di Adams, questa che sfida una politica di assegnazione del dormitorio che gli studenti consideravano discriminatoria razziale.

Il suo talento per parlare in pubblico era ovvio per chiunque l’avesse vista sul palco di una dimostrazione all’aperto nel suo secondo anno.

L’argomento quel giorno ha fatto appello alla natura wonkish di Clinton. Si è concentrato sul curriculum e se l’amministrazione di Wellesley dovrebbe adottare un sistema di classificazione pass/fail.

“I volti della gente erano rivettati su di lei”, ha detto Karin Rosenthal, che ha fotografato Clinton per il giornale studentesco.

“Aveva questa formidabile qualità di equilibrio, di autocontrollo, di auto-contenimento”, che ha causato un certo risentimento tra gli studenti più bohémien e ribelli, ha detto Robert Pinsky, un ex professore che è stato poi poeta laureato.

Tempi turbolenti

L’assassinio del Rev. Martin Luther King Jr.del 1968 ha scosso Wellesley, come ha fatto campus in tutto il paese. Clinton andò a un raduno commemorativo a Boston e contattò uno dei cinque studenti afroamericani della sua classe per offrire simpatie.

Gli studenti neri di Wellesley stavano aprendo la strada all’attivismo sociale, usando un gruppo appena formato chiamato Ethos per fare pressione sull’amministrazione e sul consiglio. I loro sforzi — tra cui uno sciopero della fame minacciato-hanno contribuito a far decollare il reclutamento degli studenti di Wellesley nei college storicamente neri e ad assicurare la rappresentanza delle minoranze nei comitati accademici.

Il primo leader di Ethos, Karen Williamson, che ha fatto amicizia con Clinton nel suo primo anno, ha detto che Clinton ha costantemente sostenuto il gruppo, che ha avuto un ampio sostegno tra gli studenti. Williamson ha detto che non ha “ricordi specifici” del coinvolgimento di Clinton nelle sue cause.

Clinton ha scalato i ranghi della leadership del governo studentesco focalizzati sulla riforma educativa. L ” interesse di tanto in tanto la portò fuori dal campus, dove ha incontrato altri leader degli studenti promettenti. Uno era Robert Reich, allora a Dartmouth.

“Non era una ribelle o una rivoluzionaria studentesca”, ha detto Reich, che si è unito all’amministrazione di Bill Clinton come segretario del lavoro. L’interesse condiviso di Hillary nel cambiamento del curriculum, ha detto, ” era roba piuttosto addomesticata.”

Ma la visione del mondo di Clinton si stava allargando. Andò con il suo amico Shapiro a Boston, dove un professore di Harvard gestiva un centro per i compiti per i bambini del centro città.

Clinton, ha detto la sua amica, è diventata ” più consapevole dell’importanza dell’azione sociale nel plasmare le menti di coloro che occupano posizioni decisionali.”

Al primo anno di Clinton, i suoi amici dei Wellesley Young Republicans sentirono che stavano perdendo un campione. ” L’ho visto nelle discussioni nelle lezioni di scienze politiche”, ha detto Rhea Kemble Dignam, allora membro del club. Le classi hanno discusso una vasta gamma di questioni, tra cui il ruolo dell’America all’estero e il caos interno. ” Mi era chiaro che la sua filosofia politica era cambiata”, ha detto Dignam.

Nel bucolico Wellesley, le proteste studentesche si riversarono dal campus al villaggio. Gli studenti portavano cartelli che chiedevano alloggi equi, potere economico nero e un tema comune: “Esci dal Vietnam ORA.”

Tornato al dormitorio di Clinton, Stone-Davis, la guerra ebbe particolare risonanza. In fondo al corridoio dalla spaziosa suite di Clinton, un compagno di studi stava corrispondendo con un fratello che combatteva in Vietnam. Clinton e un gruppo di amici che sono rimasti vicini da allora si sono radunati intorno al compagno del dormitorio, e Clinton si è unito alle spedizioni nel New Hampshire per sostenere la campagna contro la guerra del democratico Eugene McCarthy.

Ma lei non ha guidato la protesta.

“C’erano diversi ceppi di opinione contro la guerra”, ha detto Ellen DuBois, ora professore di studi di genere all’UCLA, che stava escogitando strategie per evitare il progetto. “Hillary stava lavorando in una modalità più elettorale.”

Clinton a volte trascorreva lunghe serate a discutere di razza e povertà con Grosch e altri. Come leader degli studenti, ha assunto un ruolo che richiede tempo considerato una pietra miliare per la presidenza, che porta il “Vil Juniors.”Lei e altri juniores aiutato orientare matricole nelle regole e tradizioni di Wellesley.

“Era determinata a fare qualcosa di se stessa”, ha ricordato Sarah Malino. “Stava scegliendo la posizione di leadership dopo la posizione di leadership.”

Clinton si candidò come presidente del governo studentesco contro due candidati — un membro di Ethos e il presidente della classe junior. Le connessioni di Clinton tra gli studenti più giovani hanno dato i loro frutti. Ha vinto.

Anche allora, Clinton “era una persona che ha ottenuto quello che era il sistema”, ha ricordato Eleanor “Eldie” Acheson, nipote dell’ex segretario di stato Dean Acheson.

Clinton ha diffuso una nota chiedendo agli studenti idee. Voleva creare un ” forum attivista da cui non sono escluse idee.”

Il suo stile conciliante era troppo morbido per alcuni studenti che volevano un cambiamento più radicale. “Hillary ha lavorato con i presidi”, ha ricordato la compagna di classe Dorothy Devine, ” piuttosto che eludere le regole.”

Nel suo nuovo ruolo, Clinton ha incontrato regolarmente Adams e il vice presidente di Wellesley, Philip M. Phibbs, un professore di scienze politiche. Era un “broker onesto” per gli studenti, ha ricordato Phibbs, ma non ha scosso la barca.

” Era preoccupata per il college”, ha detto Phibbs. “Non voleva vedere le preoccupazioni degli studenti articolate in un modo che era dirompente del college.”

Washington awakening

La politica di Clinton gelò dopo uno stage estivo a Capitol Hill nel 1968, secondo il suo consulente di tesi, Alan Schechter, un sostenitore di Clinton.

Clinton dice nella sua autobiografia che “ha obiettato inutilmente” quando è stata assegnata alla Conferenza repubblicana della Camera, guidata dal Rep. Melvin Laird, un falco sul Vietnam. Phibbs e Schechter non ricordano un’opposizione così forte.

“Stava ancora pensando e cercando”, ha detto Phibbs.

A Washington, Clinton fece amicizia con un membro della conferenza del GOP, il membro del Congresso di New York Charles Goodell. Ha invitato Clinton e altri stagisti ad andare alla convention presidenziale del GOP a Miami per radunare il sostegno per il governatore di New York Nelson Rockefeller, un lungo tiro contro il front-runner Richard M. Nixon.

Clinton rimase delusa quando Nixon, il favorito di suo padre, vinse la nomination senza sostenere la riduzione delle truppe in Vietnam. Tornò a casa a Park Ridge e guidò con un amico a Chicago per dare un’occhiata al caos che circondava la convention democratica.

All’inizio dell’ultimo anno, Clinton aveva concluso che il Partito repubblicano stava andando alla deriva troppo a destra. Ha marciato nell’ufficio di Schechter e ha annunciato la sua intenzione di dedicarsi all’uguaglianza sociale. Schechter ha detto che era ” il più appassionato che abbia mai visto.”

Schechter l’ha aiutata a formare una tesi che confrontasse l’efficacia dei modelli di intervento — l’approccio di base sposato da Saul Alinsky contro il sostegno del governo dall’alto verso il basso. Clinton ha detto più tardi che aveva un “disaccordo fondamentale” con la teoria di Alinsky che il cambiamento potrebbe venire solo dall’esterno del sistema.

Clinton ha intervistato Alinsky due volte per produrre la sua tesi, ” C’è solo la lotta.”Schechter ha dato al giornale una A, e Clinton ha notato nel suo articolo che Alinsky le ha offerto un lavoro alla sua fondazione di Chicago, che ha rifiutato, per andare alla scuola di legge.

Ma l’attenzione di Clinton sull’attivista sociale in seguito si è rivelata controversa. Nei primi anni 1990, Schechter era in campeggio in Montana quando la Casa Bianca lo contattò e gli chiese di aiutare a mantenere il primo lavoro accademico della first lady sotto gli involucri.

Schechter ha visto la mossa come un errore. “Se lo nascondi la gente lo userà contro di te”, ha detto che ha discusso con il membro dello staff.

Da allora, la tesi è stata lanciata dai critici di Clinton — tra cui Ben Carson alla convention GOP del 2016 a Cleveland — come prova della sua precoce associazione con i radicali.

Per Schechter, la tesi di Clinton mostrava un drogato di politica emergente, non necessariamente un politico in erba.

È stato tra quelli sorpresi quando è salita sul palco all’inizio e ha mostrato di poter “percepire l’umore del pubblico spingerlo in una direzione particolare.”

Prendendo il palco

Brooke è stato” schiacciante ” scelto dalla Classe del 1969 per servire come oratore di inizio, Adams gli ha detto in una lettera di invito.

Nel suo discorso, Brooke “voleva incoraggiare e riconoscere che dovrebbero essere spiriti liberi”, ha detto Frye, “ma rendersi conto che ci deve essere un’ancora di ordine per rendere la libertà durevole e produttiva.”

Come inizio si avvicinava, Acheson ha guidato lo sforzo che avrebbe vinto Clinton un posto sul palco.

Adams inizialmente si rifiutò di permettere il primo altoparlante studente in assoluto, ma Acheson ha sostenuto che gli studenti avevano guadagnato una voce. Nella sua autobiografia, Clinton ha suggeritoche ha ribaltato l’equilibrio incontrando Adams uno contro uno.

“Non lo vedeva come il suo discorso”, ha detto Jan Piercy, un caro amico che in seguito ha lavorato nell’amministrazione di Bill Clinton. Piercy ha ricordato Clinton toccando compagni di studi sulla spalla, chiedendo, ” Cosa devo dire?”

” Era in un tour di ascolto”, ha detto l’amica Ann Rosewater. Le risposte si sono riversate.

Piercy ha ricordato di aver visto Clinton circondata nella sua stanza del dormitorio da “una gonna di appunti di carta.”E lei era come,’ Oh mio Dio, come ho intenzione di tirare tutto questo insieme?'”

Clinton ha detto che ha tirato tutta la notte per scrivere le sue osservazioni preparate. Ha mostrato Schechter una bozza e ha chiesto Acheson per un commento. Ma non Adams.

Il presidente ha cercato di convincere Clinton a condividere, ma Clinton non si è mosso. Conosciuta per il suo spirito ironico, in seguito intrattenne gli amici rievocando il suo incontro con l’amidaceo Adams, ricordò Mary Shanley, una laureata di Wellesley che visitò Stone-Davis.

Clinton a quel punto aveva poco da perdere. Il suo tempo a Wellesley stava finendo, ed era già stata ammessa alla scuola di legge di Yale.

” Era impegnata in una battaglia di ingegno politico”, ha detto Shanley.

Overnight sensation

Più di 2.000 persone si sono riunite il 31 maggio 1969, per il 91 ° inizio annuale del college. Il programma non menziona un oratore studente, forse perché l’idea è sbocciata così tardi.

Brooke pronunciò quello che alcuni consideravano un discorso condiscendente sui disordini studenteschi. Clinton ha detto nella sua autobiografia che sembrava fuori contatto con i tempi. Ha illustrato il progresso sociale citando un calo nazionale dei tassi di povertà, esortando gli studenti a non “confondere il vigore della protesta per il valore della realizzazione.”

Adams ha poi introdotto Clinton come ” allegro, di buon umore, buona compagnia e un buon amico per tutti noi.”

Clinton è salito sul palco. Con un fiorire drammatico, mise da parte il testo che aveva strapazzate per preparare e si voltò a guardare Brooke.

“Non siamo ancora nelle posizioni di leadership e potere”, ha iniziato. “Ma abbiamo quell’elemento indispensabile di protesta critica e costruttiva.”Ha castigato Brooke per aver ridotto la povertà a una statistica. “Questa è una percentuale”, ha detto.

Lo schiaffo inaspettato di Clinton a Brooke (che è stato tagliato da una registrazione pubblicata online da Wellesley) è stato forte.

Acheson guardava dalla prima fila. Ha evitato di guardare Adams, sapendo che il presidente si sarebbe sentito tradito.

Quando Clinton ha finito, l’applauso è durato 34 secondi, secondo una registrazione audio. Gli studenti si alzarono in un’ovazione. ” Eravamo orgogliosi di lei e orgogliosi di noi stessi”, ha detto Acheson.

Alcuni genitori erano seccati — e hanno detto alle loro figlie così. Clinton ha suggerito nella sua autobiografia che Adams vendicò quel giorno avendo una guardia di sicurezza nascondere i suoi occhiali e vestiti quando è andata a fare un tuffo nel lago Waban, il luogo di nuoto campus.

In seguito, la compagna di classe di Clinton, Donna Ecton, scrisse a Brooke per assicurargli che “la maggioranza” degli anziani era “costernata dalla rude confutazione di Hillary Rodham.”Un laureato ha scritto, accusando Clinton di auto-promozione. “Se stava cercando di avere la sua foto in prima pagina”, ha scritto il donatore, “l’ha presa.”

Clinton era già sulla strada del riconoscimento nazionale. Ma c’è un piccolo segno — scoperto anni dopo negli archivi della rivista Life — che si preoccupava di come potesse essere percepita.

Il fotografo di Life ha allegato una nota ai suoi file dopo aver visitato Clinton a Park Ridge.

La giovane leader studentesca, ora lanciata come un simbolo schietto della sua generazione, era “abbastanza preoccupata”, ha letto, “che fosse chiaro che non stava attaccando personalmente la senatrice Brooke.”

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *