Dose dipende dalla malattia da trattare, la gravità e la risposta del paziente.
La terapia a giorni alterni deve essere presa in considerazione quando possibile quando è necessaria una terapia a lungo termine.
La sospensione a lungo termine del trattamento richiede il ritiro graduale della riduzione della dose.
Asma
Bambini < 12 anni:
* Esacerbazioni acute: 1-2 mg/kg/die diviso in 2 dosi (massimo: 60 mg / die) fino al raggiungimento di un volume massimo espiratorio pari al 70% del predeterminato.
•Trattamento di carico nell’asma acuto: 1-2 mg/kg/die somministrato 1 o 2 volte al giorno per 3-10 giorni (massimo 60 mg/die), fino alla risoluzione dei sintomi o al raggiungimento dell ‘ 80% del volume espiratorio massimo predeterminato.r• * Trattamento cronico: 0,25-2 mg/kg/die somministrato in dose singola al mattino o a giorni alterni secondo necessità per il controllo dell’asma (dose massima: 60 mg / die)
Bambini ≥12 anni:
* Esacerbazioni acute: 40-80 mg/giorno amministrato in 1-2 dosi a un volume espiratorio massimo del 70% del predeterminato.
•Trattamento di carico nell’asma acuto: 40-60 mg/die somministrati in 1-2 dosi al giorno per 3-10 giorni, fino alla risoluzione dei sintomi o al raggiungimento dell ‘ 80% del volume espiratorio massimo predeterminato.
* Trattamento cronico: 7,5-60 mg/ die somministrati in dose singola al mattino o a giorni alterni secondo necessità per il controllo dell’asma.
Dosaggio alternativo per fascia di età:
Asma acuta:
* < 1 anno: 10 mg/12 ore
• 1-4 anni: 20 mg/ 12 ore
• 5-13 anni: 30 mg/ 12 ore
• >13 anni: 40 mg/ 12 ore
Trattamento cronico:
• <1 anno: 10 mg/48 ore
• 1-4 anni: 20 mg/48 ore
• 5-13 anni: 30 mg/48 ore
• >13 anni: 40 mg/48 ore
anti-Infiammatori o immunosoppressori: 0.05-2 mg/kg/giorno in 1-4 dosi al giorno.

Malattia di Kawasaki dati limitati: utilizzato in pazienti che hanno ricevuto corticosteroidi per via endovenosa in combinazione con IVIG e aspirina. Orale: 2 mg/kg/die, suddivisa ogni 8 ore per normalizzare la PCR, la dose massima: 60 mg/giorno; dopo normalizzare PCR, diminuire la dose ogni 5 giorni, utilizzando il seguente regime: 2 mg/kg/giorno per 5 giorni (dose massima giornaliera: 60 mg/giorno) dopo 1 mg/kg/giorno per 5 giorni (dose massima giornaliera: 30 mg/giorno), dopo di 0,5 mg/kg/die (dose massima giornaliera: 15 mg/giorno), poi a giorni alterni e possono essere lunghe fino a 2-3 settimane.

Sindrome nefrosica, sensibile agli steroidi (la dose nei pazienti obesi deve essere basata sul peso ideale):
•Home: 2 mg/kg/die o 60 mg/m2/die somministrato in 1-3 dosi (massimo: 80 mg/die) fino a quando la proteina è assente nelle urine o per 4-6 settimane.
•Mantenimento: 2 mg/kg/48 ore o 40 mg/m2/48 ore somministrati al mattino. * Recidive frequenti: 0,5-1 mg / kg / 48 ore per 3-6 mesi.
Sostituzione fisiologica: 4-5 mg/m2/die, idrocortisone e cortisone sono i farmaci di scelta, perché il prednisone non ha proprietà mineralcorticoidi).
Riduzione della dose
Non esiste un programma universale di riduzione della dose, ma è possibile seguire il seguente schema:r• * < 7 giorni: non è richiesta una riduzione graduale della dose. r * * 7-14 giorni: regolare la dose singola del mattino e ridurre del 30% al giorno.
* 14 giorni: ridurre 2,5-5 mg/die ogni 3-7 giorni a 5 mg/m2/die, mantenere 3-7 giorni e passare all’idrocortisone a dosi di 5-7 mg/m2 / die. Mantenere dosi controllate di cortisolo basale e ACTH al mattino presto. Se i livelli sono normali sospendere.

Categorie: Articles

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *